Informazioni personali

La mia foto

parlare di me è una parola,IO,che uso per iniziare tutte le mie frasi,ch'è un modo per ribadire un atteggiamento costantemente distante,un relativismo etico e morale,ma anche fisico, io non sono simpatico,ma gli antipatici non sono come me.

Lettori fissi

venerdì 18 maggio 2012

prevedo che le previsioni non prevedono

Parlando con mia figlia della crisi della Grecia, e del Eurozona,gli ho spiegato le previsioni su di una possibile uscita dall'Euro,chi ritiene il ritorno alla Lira la soluzione di tutti i nostri problemi,chi lo ritiene una sciagura;
 e tu?Mi ha detto.
Bella domanda.cosa prevedo io?

Innanzitutto io non prevedo,nel qual caso sarei ricco,ma posso dire che neppure gli altri lo fanno.
Chi ritiene l'uscita dall' Euro La Soluzione (con la maiuscola,sì) e chi lo ritiene una sciagura dimenticano entrambi due dati di fatto incontrovertibili:

  1. ci sono miliardi di Euro di titoli spazzatura e di debiti sovrani che vanno pagati,così è se vi pare,in un caso o nell'altro andranno pagati,la giustizia non è di questo mondo.
  2. qualunque scenario non può essere esteso solo alla componente più evidente,nel caso di uscita dall'Euro dell'Italia,la Germania che farà?se avvallasse,che farebbero gli altri paesi?in tutti gli scenari visti sono stati argomentati con precisione gli effetti diretti,ma nemmeno sfiorati quelli indiretti(Tranne forse Uriel ,anche lui però qualche domanda senza risposta me l'ha lasciata)
Ad esempio c'è chi vorrebbe l'uscita dall'Euro per poter gestire il debito con una moneta sovrana(no,non sarebbe un ritorno alla Lira,che in quanto moneta sarebbe morta,ma la nascita di una nuova moneta che,se volete,per ragioni sentimentali,potremmo anche chiamare Lira)emessa da un paese che avrebbe seri problemi a mantenerne il valore di emissione,con la conseguenza che il nostro debito sarebbe gestito con la nuova moneta come diciamo noi ,senza maestrini che ci dicano come fare,ma lo triplicheremmo in tre sedute di borsa(se va bene).
Allora ecco quelli del default,non lo paghiamo,come ha fatto l'Argentina....se siete pronti a non emettere pìù titoli di Stato,dobbiamo mantenere la spesa corrente con i proventi delle tasse,in piena crisi recessiva... investimenti poi...Fine.
RESTIAMO NEL Euro,e sì e il fiscal compact, comunque bisogna rientrare della metà del debito nei prossimi 20 anni,se non lo ratifichiamo addio ai  piani di sostegno al debito Europei(e si la banca centrale Europea ha comprato centinaia di milioni del nostro debito per sostenerne i titoli durante le varie mattane speculative, prova a far da solo senza Europa).
In entrambi i casi,sia restando sia uscendo dall'Euro, ci sono due modi di affrontare la situazione prendere atto di ciò che ci tocca,che sia giusto o no,e quindi una maggior consapevolezza da parte della popolazione di ciò che si deve fare,e di quali siano gli obbiettivi per esprimere una classe politica un po' più efficiente,perchè dentro o fuori lo Stato deve dimagrire e diventare efficiente,cominciando dalla Giustizia,e dal parlamento.
Oppure non farlo,continuare a cercare soluzioni demagogiche,di sicuro fallimento,illudendosi di far pagare il conto a qualcun altro.
Per il momento vedo che abbiamo scelto la seconda opzione,e non sembra che ci siano cambiamenti all'orizzonte,quindi la mia previsione è che prevedo che quelli che prevedono non azzeccheranno una previsione.