Lettori fissi

giovedì 20 dicembre 2018

Tempo

Quando ti fermi per forza ed il tempo ti prende,come le forme di sabbia sulla spiaggia da bambino,le stelle,gli omini,bloccati come se il momento fosse eterno,poi il sole compie la sua opera e le forme si sfaldano con l'evaporare dell'acqua,prima le linee esterne che si fanno granulose,poi il tutto si spezza sotto il peso di se stesso,lasciando immagini a metà che paiono pensieri distratti che qualcuno ha dimenticato,niente dura in eterno,meno che mai le illusioni,calpestate dal piede di una corsa goffa senza altro senso che la sensazione di un tuffo nell'acqua salata di un'estate in fondo quasi finita.

mercoledì 17 gennaio 2018

ancora tu

Eran di luce gli occhi che
di dolore facevano sorrisi
eran di panna le labbra che
di svarioni facevano tenerezza e risa
Eran di seta le gambe che
facevan dell'aria un peso e della terra un volo
eran di piuma le mani che
di ogni movimento facevan carezze e calore
come ritrarsi dal fascino della bellezza,
come sottrarsi alla malia dell'amore,
come tornare in me dopo averti visto,
come dimenticare l'onda di amore e desiderio
che mi tracima dagli occhi,
no.non è dolore,
è l'emozione che non si contiene,
quella che non posso tradire,
quella che non posso soffocare.

lunedì 1 gennaio 2018

Anirí

Alla mia età innamorato,
non è un infatuazione istantanea,
è avere osservata a lungo la sua anima,
è quando sei già caduto
nel laghi gemelli dei suoi occhi
e rimani fradicio fino all'osso
della sua essenza,
quando ti sei bruciato
al rossore delle sue gote,
quando le sue labbra ipnotiche
ti hanno abbracciato
in un giogo stretto
di detti non detti,
quando le espressioni del suo viso,
nelle sue ombre,
nei suoi sorrisi sono già
il sole,la luna,le stelle,
quando tutto questo
ti ha già marchiato dentro il cuore
con lo sfregamento di tutti i cocci,
i vetri rotti della sua vita.
Ed ora dovrei andare avanti,
superare,
andare oltre?
Ma oltre dove senza questo marchio?
Dove trovare il tempo
in cui questo marchio non sia ancora?

giovedì 28 dicembre 2017

Fine

La fine non è l'esaurirsi,
La fine è il completarsi dell'opera,
È quando hai la visione del quadro d'insieme,
Quando puoi giudicare tutto nella sua interezza,
Quando tiri le somme e puoi davvero capire.
Quasi una sinestesia degli elementi,delle emozioni,quando davvero non ti sbagli,hai davanti il vero!
Quando tutto si compie!

incedere desistendo

L'esito della guerra non è incerto
Anziché no è definito,
Dato che io non partecipo
Orbato da dubbi e sensi di colpa
Ramingo mi sottraggo
Alla battaglia
Balia del possibile
Insidia dell'incerto
Levo il mio grido
Evidentemente
Turbato dal successo
E dall'insuccesso in egual misura.

sentimenti inaspettati

Già
Eccolo qua
Lì alle tue terga assiso,
Ove un cane annusa
Segna  il territorio
Invero
Eccolo
I ch'è s'aggira
Nemo di casa
Vittorioso come
In un pavone tronfio
Danza circolare
In una ruota
Avvolto.


mercoledì 27 dicembre 2017

Un ti amo complicato....(più o meno così "nn me ne frega niente io ti amo!!"

Tempo di magia
Immaginifica, lieve,
Ancora serafica si adagia,
Morbida acquieta i pensieri,
Onde di pace si propagano.
Idolatria laica che,
Meco si gonfia con
Mandide mani di una
Empatia spiccia,
Nevvero,forse,che il cuore,
Sapendo,
Ama burlarsi dei
Motivi della ragione?
Essi si approvano
Nell'astratto tutto
Temendo solo l'esplosiva
Emozione.