Informazioni personali

La mia foto

parlare di me è una parola,IO,che uso per iniziare tutte le mie frasi,ch'è un modo per ribadire un atteggiamento costantemente distante,un relativismo etico e morale,ma anche fisico, io non sono simpatico,ma gli antipatici non sono come me.

Lettori fissi

giovedì 12 ottobre 2017

a proposito della pubblicità della Dove e delle sue scuse

Quando nacquero il movimento fascista e quello nazista si innalzarono su di un piedistallo e ammantandosi di un senso di superiorità certificato da simboli solari,positivi,forti diventarono quello che diventarono.....

I movimenti del politicamente corretto si sono messi su di un piedistallo e ammantandosi di simboli solari,positivi,forti...

Perchè credere che certa gente si sarebbe riunita sotto simboli vecchi che ormai sono,oscuri,negativi,deboli,perchè?
Non è arrivato anche per loro il futuro?

mercoledì 30 agosto 2017

atti

E' il gioco delle parti.
Tu ti svegli al mattino e già è cominciato,
tutti compresi nel loro ruolo.
E tu sorpreso scopri che ti rimane solo una parte,
quella!
Non ti resta che recitare,
impegnati!
Come non sai il copione?
Come,non ti piace il ruolo?
Impuntati,inalberati,ergiti!
Nulla è scritto,seppur condizionato,
non ci sono autori,solo prime donne,
devi prender la battuta,ma ha chi la lasci è cosa tua,
Puoi elevare la tua voce. puoi muovere il tuo personaggio,
certo!
Hai tutto il fronte del palco,dominalo!
Hai le quinte da dove imporre la tua assenza.
Ma se non hai la forza dei numeri non avrà importanza,
sarai dimenticato al  cambio di scena.


mercoledì 9 agosto 2017

I giusto nome

E così il signor Cancellato ci spiega che dobbiamo si vergognarci del paragone tra gli Italiani di Marcinelle ed i migranti africani,ma perche quella di oggi è una tragedia bene peggiore.
E fin qui potrei essere d'accordo.
Ci dice che:

 i minatori italiani di Marcinelle non scappavano da un bel nulla. In Italia non c’erano guerre civili, né carestie, né crisi economiche. Nel 1956, al contrario, eravamo alla vigilia di quello che oggi definiamo “miracolo economico italiano”

Dimostrando a latere di avere seri problemi nella progressione logica degli avvenimenti temporali, dato che "vigilia", è un'affermazione valida per le ricorrenze ma per i fatti storici nn ha nessun senso. I migranti Italiani non potevano certo sapere che sarebbe arrivato detto miracolo,quindi da cosa non scappavano?E quella di dieci anni prima,non era una guerra?(ricordiamo al signore che "successo nel 56"nn vuol dire che emigrarono nel 56 o che non pagassero le conseguenze di una guerra)
Ci dice pure che:

gli Stati Uniti ci aiutavano a casa nostra

Si vede che è il modo giusto visto che ha funzionato,no?

Ci comunica inoltre che:

Ed è proprio per quel carbone che fu firmato il protocollo Italio-Belga, dieci anni prima, nel 1946. Noi davamo al Belgio 50mila minatori, loro ci davano combustibile per muovere la nostra industria e alimentare le nostre centrali elettriche. Noi dall’Africa ci prendiamo le materie prime e poi chiudiamo le porte ai loro migranti. Trova le differenze.

Quindi i nostri emigranti arrivavano invitati ed in maniera regolare!!
perche non trova qui le differenze?
E poi questa fandonia che noi deprediamo l'Africa delle sue materie prime mi sembra oltremodo stucchevole!
l'Occidente le materie prime le paga,i governi illuminati dell'Africa ritengono di usare detti proventi per spese che loro ritengono prioritarie,sapete che c'è?
Ma saranno un po' fatti loro?(mi sono censurato, ma dai si capisce)
E poi noi i migranti continuiamo ad accoglierli,forse il signor Cancellato se lo dimentica quando ci dice:

Nel Canale di Sicilia, negli ultimi quindici anni, hanno perso la vita 30mila anime.Ripetetevelo nella mente: trentamila. Ci sono più cadaveri che pesci, in quel tratto di mare.

Nel buttarci addosso quelle cifre si ricorda che il maggior numero di migranti che arrivano sull'Italico suolo non arrivano con i barconi? che quel numero si è espanso mano a mano che aumentava la portata di detti viaggi, e che la responsabilità di quei morti va addebita in primis a chiunque abbia agevolato in qualsiasi modo quella rotta migratoria?
Sospetto di lui!
Infatti ci fa sapere che:

Per quanto terribili fossero poi le loro condizioni di lavoro, una situazione un po’ diversa rispetto a quella delle migliaia di schiavi africani che ogni anno raccolgono pomodori e arance tra Puglia e Sicilia. Se pensate siano fenomeni imponderabili, sappiate che solo a raccogliere i pomodori, ogni anno, sono impiegati quasi 20mila braccianti, molti dei quali senza contratto, molti dei quali stranieri, molti dei quali irregolari.

Quindi ammette che sono qui per essere sfruttati!!
Dimenticandosi che quei lavori prima li facevano gli Italiani,sempre in condizioni miserabili di lavoro,ed invece di migliorare queste condizioni li abbiamo licenziati per sfruttare un poco i neri!l
Logico signor Cancellato.
Vede, ho capito,ci servono gli schiavi, quindi i barconi non si combattono,si "accolgono" e se qualche migliaio si capovolge è colpa di quelli che non li volevano!
Vigliacchi Italiani che non vogliono più fare lavori di manovalanza,che schifo!
Dovrò spiegarlo a mio fratello,che nell'edilizia era un manovale da 1700 euro al mese ed ora nn riesce a trovare un'impiego a 1200 euro,cè chi prende meno...è per quello che li accogliamo signor Cancellato?
Per lucrare di più sulla finanziarizzazione,riducendo il costo del lavoro?
Così puoi scegliere se essere un bel bianco disoccupato o uno schiavo nero?
Cavolo,bianco o nero ci nasci...non c'è scelta!
Non che sbavi per queste scelte!
Ad ogni modo la faccenda dei direttori dei Musei ci ha fatto capire che sono scelte che toccano solo gli Italiani dei ceti più bassi,gli altri a quanto pare sono al sicuro dalla concorrenza dell'Immigrato,mah!!
Strano!

Ecco, magari diciamola così. Se vogliamo capire cosa provano quegli esseri umani che cercano di entrare in Europa - attraversando l’Italia - dal Canale di Sicilia, prendiamo la più grande tragedia della nostra stagione migratoria e moltiplichiamola per dieci, cento, mille, un milione. Magari servirà a farci capire a chi stiamo chiudendo le porte. Forse era questo quel che intendeva Jerry Calà quando ci invitava a sciacquarci la bocca. Forse sì.

No,signor Cancellato.
Non c'è paragone, è vero!
Ma perche quella sul Mediterraneo non è un'ondata migratoria,è a tutti gli effetti una tratta degli schiavi,nella quale i suoi padroni sono riusciti nell'intento di nn dover  armare le navi negriere e di non aver  "perdite " di viaggio,non avendo pagato nulla se non una più economica campagna di stampa

Signor Cancellato,io non  sono contento di essere accostato a Salvini,anche perchè non gli credo,ma se questa è la sua difesa dei migranti mi pare che sia la solita solfa ipocrita sulla immigrazione risorsa...che poi è un'altro modo di chiamare lo sfruttamento.

Facciamo cosi signor Cancellato,non facciamo paragoni!
chiamiamo semplicemente le cose con il loro nome

Tratta degli schiavi!

Tratta degli schiavi!

Tratta degli schiavi!

sabato 17 giugno 2017

Jus soli,Jus sanguinis,... Je sòle!!

Ci sono delle cose belle in Italia,ad esempio è un paese di Diritti!
Per tutti intendo.
Se sei Italiano hai dei diritti!
Sei straniero?Pure!
Le mie nipoti sono albanesi...come cittadinanza intendo.
Loro sono italianissime,come molti ragazzi di oggi sono italianissime Europee.
Le invidio un po' per questo.
potrebbero chiedere la cittadinanza?
Si
La legge italiana richiede dei requisiti ma non sono irraggiungibili.
la burocrazia invece le frena.
volete migliorare la legge?
si può fare!
alcune richieste sono un po' eccessive.
Non sono contrario ad ammorbidirle,ma se chi ha i requisiti,preferisce rinnovare il permesso di soggiorno piuttosto che chiedere la cittadinanza di sicuro l'elefante che tutti si ostinano a non vedere è la burocrazia,non la legge.
D'altronde a loro nn mancano diritti,siamo in Italia!
Forse se avessero la pelle nera qualche problema in più lo avrebbero,concordo,ma in quel caso la cittadinanza sul passaporto non lo risolverebbe.
Una cosa é il razzismo,una cosa è definire l'Italia un paese razzista perchè non naturalizza gli stranieri.
Curiosamente la cittadinanza è più un dovere che un diritto e il non svilirla riguarda l'etica ed i valori del cittadino.
Quelli che vorremmo che fossero condivisi da chi si unisce a noi.
quelli che vorremmo fossero condivisi perchè compresi,non imposti,e neppure denigrati.
Quelli di un paese che i diritti li riconosce a tutti,non solo ai cittadini.
Ordunque,la nuova legge è in realtà uno Jus soli?
No!
in effetti pur essendo molto meno esigente(per sapere se troppo poco esigente aspetto di leggere il testo vero e proprio) rimane una legge che non ha meccanismi automatici per concedere la cittadinanza.
Devi comunque chiederla avendo dei requisiti!

Come ho detto abbiamo una legge che non vieta agli stranieri di acquisire la cittadinanza,ma è scritta in modo che si possa pensare che non si voglia concedere;ora il parlamento sta licenziando una legge che non spalanca le porte agli stranieri,ma è scritta in modo che lo possa sembrare.
Preparatevi a raccogliere altri cadaveri in mare,tanti!
L'importante non è che sia vero che regaliamo la cittadinanza:l'importante è che la spacceranno per tale!
 Questa legge sarà una promo fortissima nelle mani degli scafisti...i trafficanti di morte ringraziano!
Non ho niente contro i migranti,davvero...è per questo che non vorrei che li convincessimo a migliaia ad attraversare un mare in cui molti moriranno per poi scaricarli sul marciapiede della stazione Centrale.
Questo è pulirsi la coscienza non affrontare il problema.

venerdì 16 giugno 2017

buono zenza ze e zenza ma,potrei fare una cattiveria per questo



 Colui che agisce secondo l’etica dei principi si sente «responsabile» soltanto del fatto che la fiamma del puro principio – per esempio la fiamma della protesta conto l’ingiustizia dell’ordinamento sociale – non si spenga.







Il blog di Charlie è sempre molto interessante quindi faccio il mio dovere nel ribloggarlo

lunedì 17 aprile 2017

Nessuna oppressione

Ma sarranno fatti tuoi...chi ti obbliga?

chiedetemi-se-battezzero-mio-figlio?

Ho sempre avuto dubbi.
Ho una mamma molto religiosa,e mi imponeva la messa,la dottrina,l'oratorio...Lei!
Non ho mai sentito l'oppressione del sistema di andarci.
Sono andato a scuola dai frati,quindi preghiere,messe,funzioni a sfondo religioso...mai sentito l'oppressione della signora dell'articolo.
Ci ho messo molto a maturare il mio "agnosticismo", nn per oppressioni immaginarie ma perchè ho impiegato anni a ponderare l'argomento...nn l'ho preso alla leggera,ed anche ora è un work in progress.
Con questo nn è che abbia passato il mio tempo in chiesa,a 15 anni mia mamma nn poteva certo obbligarmi ad andare in chiesa,poteva al massimo chiedere la mia presenza in talune cerimonie per lei importanti,ma era comunque un favore personale a lei,certo nn l'oppressione;mi sono sposato con rito religioso per mia moglie,e considerato come poi è andata una tiratina sulla coerenza va fatto a lei,ma sempre niente "oppressione".
Persino la scelta di far crescere i miei figli all'interno della religione cattolica è stata libera,io nn mi sono trovato male in questa religione,semplicemente nn ci credo,quindi ho dato ai miei figli la stessa possibilità di scegliere...e indovinate?
D'altronde il battesimo è un patto con Dio...se ci credi,altrimenti è un semplice lavaggio della testa.
Idem con patate per comunione,cresima,matrimonio.
Le mie scelte sono state le mie,se nn credi sei libero di nn battezzare tuo figlio,chi te lo impedisce?
le persone che ti chiedono come mai?
Diglielo!!
Ho ti vergogni delle tue scelte?
Quando ho deciso per il battesimo di mia figlia il sacerdote ha chiesto a me ed agli altri genitori il perchè di quella scelta.
C'era chi era molto religioso e voleva la salvezza del figlio,chi cominciava un percorso di crescita col Signore...io l'ho guardato ed ho risposto-voglio che cresca conoscendo bene la religione in cui sono cresciuto io,se un giorno nn sarà convinta in fondo è solo acqua;versata da una ciotola,una frazione d'atm,davvero!-

Nessuna oppressione.