Informazioni personali

La mia foto

parlare di me è una parola,IO,che uso per iniziare tutte le mie frasi,ch'è un modo per ribadire un atteggiamento costantemente distante,un relativismo etico e morale,ma anche fisico, io non sono simpatico,ma gli antipatici non sono come me.

Lettori fissi

martedì 13 dicembre 2016

Adesso arriviamo...

Non  sono disperato perchè ha vinto il no.
Il 5 Dicembre nn sarebbe cambiato il mondo,
neppure nel 2017 o nel 2020,forse nel 2025.


Non lo sono neppure perche è caduto il governo,
sei il governo del cambiamento,
se ti bocciano il cambiamento in modo così plateale il minimo è dimettersi.
No!

Sono disperato perchè moltissime persone,
e nn sono tutti analfabeti funzionali,
si aspettano da un ordinamento che hanno appena difeso strenuamente,
che si autoriformi e produca altro da ciò che è scritto.
Siamo una Repubblica parlamentare,
non eleggiamo il governo,
lo elegge il parlamento su indicazione del Presidente.
Il Parlamento si scioglie alla scadenza ,
oppure quando non riesce a trovare un accordo per formare un governo.

Sono disperato perchè si,molti nn lo sanno,
ma molti lo sanno e fanno finta che nn sia cosi.

Sono disperato perchè la brama di ragione offusca,
obnubila la capacità di analisi di persone altrimenti preparate
e le porta a cercare la soluzione ideale
 dove la prevalenza degli interessi di parte rende del tutto utopistico che sia cosi.

La madre delle riforme costituzionali non uscirebbe neppure da un consesso di costituzionalisti!

Ci sarebbe comunque chi troverebbe fosse imprecisa,debole,forte,asservita,lenta,pasticciata.
Sono disperato perchè trovo che questo paese sia irriformabile proprio a causa dei suoi movimenti riformatori,che sono come quel soccorritore che al ferito sotto le macerie che grida aiuto risponde:
"NO,la vanga è troppo lenta!
ma tranquillo abbiamo già deciso di fare un consiglio straordinario che istituisca una squadra di esperti per l'acquisto di una ruspa adatta all'intervento di emergenza!
RESISTI!