Lettori fissi

mercoledì 27 febbraio 2013

una risata,anche più di una invero,vi seppellirà,probabilmente a titolo definitivo.

I risultati delle elezioni mi hanno messo di buon umore,devo dire che se avessi potuto scegliere un risultato avrei scelto questo,decisamente equilibrato...come previsto mi sto divertendo molto!
concordo con alcune analisi ma non del tutto,sopratutto non condivido la lettura data all'esplosione(modesta a dire il vero)di Berlusconi
C'è un elettorato di centrodestra che deluso dai rappresentanti del centrodestra si preparava a disertare democraticamente le urne,Berlusconi ha fallito nella missione preposta-fallito politicamente,intendo,non ci può importare meno di tutto ciò che ha fatto scandalo,ha fallito la scelta dei collaboratori,la scelta delle priorità,le mosse strategiche...na pippa insomma.
senza lui nessuno è stato capace di proporre una linea politica apprezzabile,lì Angelino delfino pasticcione si è rivelato un calimero neppure simpatico,insomma c'era tutto per una sana astensione attendista.
Sarebbe bastato ai signori candidati proporre un vero programma con dei veri impegni,bah!
IL PD ha avuto la sua occasione,conosco elettori del centrodx che avrebbero votato Renzi,ma si vede che a quelli vincere gli fa schifo,tante che si dilettano in cose cretine come smacchiare i giaguari,no dico...tanto più Che Renzi è molto più d'apparato di quello che sembra,però qualche proposta innovativa invece di "Berlusconi si deve dimettere",che presuppone una sudditanza psicologica mica da ridere,la fatta-si poteva guadagnare la mia astensione,siori il Pdl era dato al 12-15%,e diamine.
Grillo,ho la sfortuna di conoscere dei grillini della prima ora,per carità,mica cattivi....ma non gli farei gestire il cesso di un cantiere.
E poi Grillo proprio non lo posso vede',storicamente,colui che per andare in televisione poneva così tanti ma,però,d'altronde per farsi dire no e vendere la sua persecuzione a peso d'oro.
In fondo non è tanto diverso dalla Wanna Marchi,libera dal malocchio,vende fortuna!
Giannino,un po' troppo liberista,però poteva anche andare,peccato che come compagni di viaggio si sia scelto certi personaggi indigeribili,poi davvero pure lo zecchino ti sei inventato,minchia!
Monti,uomo d'apparato a difesa dell'apparato nella sua accezione più alta,ma crepa va'.
La lega si è ritirata su basi locali cercando di manovrare in un mare in tempesta,contrariamente a quello che pensano molti la cosa è riuscita e in futuro pagherà,ma ovviamente non si proponeva come forza di governo, quindi...
C'erano altri imbecilli in giro vero?
Bene, stanno bene dove sono.
Insomma,nevicava,avevo sonno,ero preso malissimo...proprio di alzarmi per andare a votare non avevo voglia,ma l'unica novità degna di nota della campgna di Bersani era una battuta di Crozza,quell'altro che spara cazzate una dietro l'altra e non fa più nemmeno ridere,non c'e la facevo proprio più,e Berlusconi era proprio lì,pronto ad andargli di traverso....

AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAAHAAHAHAHHAHAHAAHHAAHHAAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHHHAAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHHHAHAHAHAHAAHHAHAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHHAHAHAHHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHHAHAHAHA



4 commenti:

  1. La lega si è ritirata su basi locali cercando di manovrare in un mare in tempesta,contrariamente a quello che pensano molti la cosa è riuscita e in futuro pagherà,ma ovviamente non si proponeva come forza di governo, quindi...

    ---

    Sono di varese, anche io background da simpatizzante leghista, ora invece... boh, niente... e condivido la tua opinione.

    A dicembre 2011 sono andato ad un raduno a Varese con oratori Maroni, Reguzzoni e un altro che ora non ricordo, onestamente (l'unico a cui abbia mai assitito, ma dopo una porcata in stile primi anni 90, volevo sentire come reagiva una lega cresciutissima).

    Già allora Maroni batteva inequivocabilmente sul "fare quadrato sul territorio" e anche sul fatto che un ciclo politico si fosse appena concluso (credo si riferisse a quello di berlusconi).

    Secondo me è la scelta più... GIUSTA.
    In realtà ci sono tanti fattori in ballo e non sono sicuro che la lega resterà a galla, ma è l'unica speranza che ha di rimanere in piedi.

    Se però operai, liberi professionisti e piccoli imprenditori verranno spazzati via dalla crisi non ha speranze di resistere, non nella sua sostanza, visto che volenti o nolenti era semplicemente la voce di una classe di persone professionalmente eterogenea che aveva come principale obiettivo il riordinamento dei rapporti tra lo stato e questa classe di persone.

    Dico GIUSTA perchè se a sconvolgimenti economici come quelli in atto non si riavvicina ai cittadini semplicemente non sarebbe più quello che pretende di essere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la mia esperienza mi ha fatto conoscere una lega che spopolava tra i dipendenti delle micro -aziende più che tra i suoi proprietari,e se licenziati, questi, sono solo più incazzati piuttosto che meno leghisti,e poi, si tende a sottovalutare un senso di appartenenza crescente nel background culturale delle regioni del nord che è stato tenuto a bada per decenni con lo spauracchio del fascismo,ma quanto più il fascismo si fa storia tanto più lo spauracchio s'affievolisce...se la lega abbandona il suo ampolloso stile romano e senza abbandonare l'esperienza di governo la mette in pratica solo nel nord il messaggio verrà veicolato dai fatti,che come sai sono la miglior pubblicità(ovvio,devono governare con efficienza,non è necessario che tutto cio che fanno sia condiviso,basta che sia efficiente)

      Elimina
    2. Beh, che quelle sui proprietari di fabbrichètte fossero solo cazzate da comici prezzolati nauseanti mi era già chiaro essendo di Varese... :)

      Sul fatto che da licenziati i dipendenti diventino più leghisti non lo so, immagino di sì, ma non ne ho esperienza.

      Riguardo al fascismo non ho capito a cosa ti riferisci.
      La crescita della Lega è stata tenuta a bada dal pensiero dominante (ma non unico, c'è quello speculare di destra) per cui se devi proprio votare vota a sinistra.
      Pensiero che sui giornali, corriere incluso, è propagandato da sempre.
      Infatti se guardi è raro, ma non impossibile, che chi è deluso dalla destra (con scandali a orologeria disgustosi, ma vabè) poi voti a sinistra, di solito si astiene, mentre quella del deluso della sinistra che però continua a votare è una figura ormai storica del paese, che tra l'altro, imho, contribuisce a tenere in piedi il peggior partito "di sinistra" europeo.

      Se per propaganda antifascista intendi il fatto che si è sempre dato ai leghisti dei razzisti & fascisti, ti posso dare ragione, ma in un'ottica più ampia è quello che è sempre successo con la destra, e dopo l'arrivo di berlusconi (ma forse già dagli anni 80) si è aggiunto l'estremismo opposto con un radicalizzarsi delle posizioni che ha consentito a PDS/DS/PD e FI/PDL di diventare partiti egemoni e di assorbire o distruggere gli alleati concorrenti.

      Elimina
    3. non diventano più leghisti,ma più incazzati,ovviamente se sei leghista l'incazzatura radicalizza la tua posizione, in quanto allo spauracchio fascista,per decenni per sminuire qualunque idea diversa era sufficiente omologarla al fascismo,ma più tempo passa e più questo si fa difficile,l'idea di appartenere ad un luogo ad una comunità e sempre stato omaggiato della definizione fascista, e molti di idee moderate da quella definizione fuggono,quindi cercare il localismo in politica è facilmente equiparato al fascismo,che poi il fascismo fosse un partito dei localismi mi fa ridere,ma il giochino funzionava e ancora adesso funziona abbastanza,ma sempre meno.

      Elimina